Guida agli orologi da muro vintage e anni ’50: quale scegliere e perchè?

    1024 693 shopvintage

    Il tempo è un concetto astratto indissolubilmente legato all’idea di vintage: la fascinazione per il passato, e dunque per un periodo lontano nel tempo, è una componente emotiva fondamentale che ci spinge alla ricerca di qualcosa che ricordiamo senza magari neanche averla vissuta. E quale simbolo più forte di un orologio per rappresentare questa sensazione?

    Anche per queste ragioni un bell’orologio è da sempre simbolo di eleganza; e se l’orologio che dà quel tocco in più al nostro soggiorno è caratterizzato da uno stile vintage, l’effetto sarà ancora più accentuato: è impossibile restare immuni al fascino di questi oggetti! Vediamo dunque come scegliere l’orologio vintage perfetto…

    Le caratteristiche di un orologio vintage anni ‘50

    Lo stile degli anni ‘50 è una di quelle costanti nel campo del design che non smette di affascinare: le sue linee curve, quelle particolari forme bombate e i colori pastello sono delle caratteristiche immediatamente distinguibili e che riportano immediatamente alla mente quell’incredibile decennio. Non a caso gli oggetti originali dell’epoca – gli orologi da muro, ma più in generale ogni sorta di complemento d’arredo – raggiungono spesso quotazioni folli alle aste, ad ennesima riprova di quanto questo stile sia tutt’oggi ambito e ricercato.

    Fortunatamente ai giorni nostri ci sono diverse aziende che propongono degli oggetti con le medesime caratteristiche e che possiamo acquistare senza spendere un occhio: l’importante è tener conto dei tratti fondamentali del design anni ‘50! Così come nell’arredo, infatti, anche gli orologi di allora si distinguevano per il radicale cambio dei materiali di costruzione: la scienza dei materiali divenne il fulcro dell’industria e gli elementi “materici” come il legno lasciarono spazio alle plastiche e al polipropilene.

    L’ottimismo e la voglia di rivalsa del dopoguerra, uniti a queste innovazioni industriali, si tradussero così in un’esplosione di colori pastello dall’incredibile vitalità; anche le linee degli oggetti si fecero più morbide e arrotondate, caratterizzandoli da quel tipico aspetto curvilineo che ancora oggi riesce a comunicare una sensazione di benessere. Forme sinuose e colori vivaci ma delicati, in gradi di conferire anche agli orologi da muro quello slancio di ottimismo e speranza che hanno permeato il decennio rock and roll per eccellenza!

    Gli orologi anni ‘50 nel design di George Nelson

    Una delle figure che hanno maggiormente contribuito al diffondersi di questa scuola di pensiero, realizzando oggetti unici che ancora oggi trovano spazio nei salotti di migliaia di americani, risponde senza dubbio al nome di George Nelson. Considerato il padre del cosiddetto “modernismo americano” e da sempre definito come un creatore di “cose belle e pratiche”, in seguito al suo lavoro nel campo della grafica e del design, soprattutto nel corso degli anni ‘50, i canoni estetici sono radicalmente cambiati.

    Il suo lascito comprende una mole incredibile di lavoro sulle sedie, sui divani e sulle lampade, ma è stato proprio nel campo degli orologi che George Nelson ha dato il meglio di sé: basti pensare che nel corso della sua carriera, il suo studio – il George Nelson Associates – ha sfornato la bellezza di 130 modelli di orologio… tutti splendidi e incredibilmente innovativi. Il più celebre rimane forse il suo Ball Clock, concepito nel 1949 e caratterizzato da una raggiera di sfere colorate: chiunque ne ha visto un esemplare almeno una volta nella vita!

    Le sue idee sul design degli orologi vertevano su una considerazione che, ad un secolo di distanza, ha ancora un senso ben preciso: a suo dire, infatti, erano poche le persone all’epoca che guardavano un orologio sul muro, perchè tutti ormai ne portavano sempre uno al polso. Ai giorni nostri possiamo dire la stessa identica cosa in riferimento agli smartphone, ma il ragionamento alla base rimane il medesimo: un orologio da muro, spogliato della sua utilità principale, deve abbellire l’ambiente ed essere un piacere da osservare.

    Quali orologi vintage comprare? I nostri consigli

    Nell’epoca degli smartphone, dunque, acquistare un orologio da muro potrebbe sembrare una scelta bizzarra ai più. Tuttavia, se l’oggetto è gradevole alla vista e richiama alla memoria il design tipico degli anni ‘50, averne uno sulla parete del soggiorno è un vero piacere: nelle prossime righe vi consigliamo due buone alternative economiche, che possono aiutarci a fare un tuffo nel passato e allo stesso tempo rendere vintage un angolo della nostra casa!

    Jones Clocks, orologio da parete “Ketchup”

    La Jones Clock è un’azienda britannica esperta nel settore degli orologi da parete: nel suo catalogo sono presenti centinaia di modelli che spaziano dallo stile più essenziale e moderno a quello più vintage ed elegante. Ed è proprio a quest’ultima gamma che appartiene il “Ketchup”, un orologio da parete dallo stile squisitamente retrò, perfetto per abbellire il vostro salotto, il soggiorno o l’ufficio nel quale lavorate.

    Il principale materiale che lo compone, come da tradizione anni ‘50, è proprio la plastica… caratterizzata dal un rosso ciliegia tipico di quel periodo. La lente in vetro convesso è un altro notevole tocco di classe, che conferisce all’orologio un aspetto ancor più vintage. Il movimento al quarzo garantisce la precisione, mentre la silenziosità è assicurata (il ticchettio si percepisce soltanto nel silenzio più assoluto): davvero un buon articolo, perfetto per un regalo.

    Orologio da parete Kitchen in stile anni ’50 con timer

    Se la vostra cucina ha una parete particolarmente spoglia e desiderate abbellirla con un buon orologio vintage, avete trovato ciò che fa per voi: questo modello è perfetto non solo per via del suo design anni ‘50, ma anche – e soprattutto – per il suo timer integrato… un dettaglio che chiunque abbia dimestichezza con quel magico decennio saprà apprezzare, considerato che ogni buona nonna americana lo usa per cucinare le sue squisitissime torte!

    La sua rilassante tinta pastello, la buona lavorazione e i materiali di qualità sono solo dei graditi dettagli aggiuntivi, che rendono questo orologio una piccola chicca per tutti gli appassionati di stile retrò. E non lasciatevi ingannare dal peso esiguo: l’orologio è comunque molto resistente. Il meccanismo è inoltre preciso e silenzioso, assicuratevi solo di acquistare anche una batteria AA, considerato che non ne troverete una all’interno della confezione.

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.